Vai al contenuto

Come scegliere un avvocato

Almeno una volta nella vita, ognuno di noi ha bisogno di un avvocato che lo assista nelle proprie vicende burocratiche, civili e penali. Si possono seguire dei semplici consigli, affinché si scelga il miglior professionista che riesca a far fronte alle nostre problematiche.

Tipo di avvocato

L’avvocato va scelto, innanzitutto, in base alle nostre esigenze:

  • Diritto fallimentare: un avvocato che assiste il cliente in caso di una situazione debitoria.
  • Diritto penale: un avvocato penalista assiste il cliente nel caso di implicazioni giudiziarie dello stesso.
  • Invalidità: avvocati che trattano controversie con le assicurazioni sociali e/o richieste di invalidità militare e/o civili.
  • Diritto degli anziani: gli avvocati specializzati in questo campo hanno a che fare con questioni riguardanti la gestione patrimoniale, l’idoneità per accedere alle cure sanitarie e la tutela di un genitore o di un nonno anziano.
  • Diritto di famiglia: gli avvocati specializzati in questa branca del diritto si occupano di cause di separazione, divorzio, accordi prematrimoniali, adozione, tutela, affidamento e mantenimento dei figli.
  • Lesioni personali: Coloro che hanno subito una lesione personale possono scegliere un avvocato specializzato che gestisce casi di malasanità, aggressioni da parte di cani, incidenti automobilistici e ogni genere di danno fisico causato dall’azione altrui.

Come ricercare un buon avvocato?

Si può ricercare un avvocato, consultando lo studio legale a cui fa capo o avvalendosi di pagine gialle online – o cartacee, qualora preferiate avvalervi degli elenchi tradizionali – tenendo in considerazione anche le opinioni che gli utenti hanno espresso su un singolo professionista o, in generale, sull’assistenza fornita da uno studio legale per specifiche pratiche.

Un buon metodo, inoltre, è rappresentato anche dalla consultazione familiare e amicale: un parente o un conoscente potrà consigliarvi un buon avvocato, qualora, in passato ne abbia avuto bisogno e si è trovato bene per l’assistenza ricevuta.

Come capire che è l’avvocato giusto?

La serietà di un professionista, nella sua totalità, si scopre mediante lo svolgimento del suo lavoro. Ovviamente, si possono elaborare delle domande da fare all’avvocato per farsi un’idea generica di come operi nel suo settore e di come abbia affrontato precedenti cause, anche simili a quella che gli sottoponete voi stessi. Ecco alcuni esempi:

  • Ha già trattato casi uguali o simili al mio?
  • Alla fine, è riuscito a risolvere tali casi? Se sì, con quale epilogo?
  • Mi terrà al corrente degli sviluppi relativi alla mia situazione?
  • Posso avere un suo contatto telefonico personale, oltre a quello dello studio legale?
  • Ci sono dei limiti che possono essere imposti alla mia istanza?

In base alle risposte che l’avvocato vi fornirà, sarete in grado di elaborare un quadro generico e una vostra valutazione rispetto sia al professionista al quale vi state rivolgendo. Tenete, infine, anche in considerazione il suo staff e il comportamento dei suoi collaboratori.

Fonte: Studio Legale Avvocato Fano

Scrivi il primo Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.